Come gestire il personale: regole pratiche per non sbagliare

Come gestire il personale: regole pratiche per non sbagliare

E’ la prima regola da tenere bene in mente: senza un team forte, unito e motivato, la tua attività non avrà un futuro roseo. Per esperienza, noi di KPCommunication, sappiamo quanto sia difficile e faticoso per un titolare dover cambiare con troppa frequenza i propri dipendenti. Ecco perché in questo articolo vogliamo darvi qualche dritta pratica per imparare a gestire il personale al meglio!


I vostri dipendenti? Una ricchezza è vero, ma quanto è difficile gestirli? Non è semplice, lo sappiamo: sono tante e sempre nuove le situazioni che possono causare fraintendimenti, disattenzioni, poca concentrazione sul lavoro, discussioni, eccetera.

Situazioni negative che poi si riversano sulla qualità del lavoro e, quindi, sulla vostra attività. Che voi siate titolari di un centro estetico o salone di acconciatura, è importante tenere a mente delle regole pratiche ben precise da applicare ogni qualvolta si presenti un problema tra i tuoi dipendenti o tra te e loro. Vediamole insieme!

Come gestire il personale: la consapevolezza del manager

Inutile dirlo, ma se siete in cerca di un vademecum infallibile per imparare come gestire il personale del vostro centro estetico o salone, siete nel posto sbagliato. Ogni istituto, ogni attività è diversa ed è necessario studiare a fondo la sua storia e struttura aziendale per capirne le dinamiche interne ed intervenire in maniera efficiente.

Ecco perché nei nostri uffici ci occupiamo di Formazione e Coaching anche per imparare a gestire il personale (guarda qui cosa ne pensano i nostri clienti!). Intanto, però, la prima regola da seguire è sempre una ed è univoca: avere consapevolezza. Sì, perché spesso il manager, il titolare di un’attività (piccola o grande che sia) non è sempre ben consapevole dei propri compiti, di quelli dei dipendenti, dei ruoli e delle sue responsabilità o di quelle degli.

Tra mille preoccupazioni e scadenze, è difficile stare dietro a ogni dipendente o ai problemi che potrebbero insorgere in istituto o in salone. Ricordate sempre che NON potete risolvere i problemi di tutti: siete manager, il vostro compito non è questo.

Il manager lavora, invece, coordinando tutto, dai dipendenti agli appuntamenti, fino alla strategia da applicare per vendere un prodotto o un servizio: è il punto di riferimento per tutto il personale. Voi titolari state guidando il vostro veliero verso il successo. E il successo della vostra traversata dipende da quanto bene il vostro team funziona. Fondamentale è la pianificazione: una strategia vincente, studiata e organizzata, vi porterà a grandi risultati.

Gestire meglio il team: fissare gli obiettivi

Avere ben chiara la propria mission aziendale e i propri obiettivi è fondamentale. OBIETTIVO, infatti, è la parola chiave preferita durante i nostri coaching: avere un obiettivo (o più di uno) significa avere una strategia, una pianificazione, una linea guida da seguire per arrivare al successo. Necessario è, invece, una volta individuato almeno un obiettivo, condividerlo con il vostro team: soltanto in questo modo sarà più semplice capirsi, “guardare nella stessa direzione”, muoversi per lo stesso scopo. 

Ovviamente, non basta soltanto fissare degli obiettivi e lasciarli lì nella speranza di vederli concretizzati un giorno. Un bravo manager sa dare delle scadenze temporali precise. Di solito, durante le nostre consulenze per imparare come gestire in maniera migliore il team, consigliamo ai nostri clienti di darsi degli obiettivi di lungo e di breve termine. Un esempio? Un obiettivo mensile (di fatturato, di vendita, di promozione di un nuovo prodotto o nuova linea) da raggiungere insieme, ognuno secondo il suo ruolo e responsabilità, come fa una vera squadra. 

Scrivete tutto e condividetelo con ogni dipendente: questa sarà la vostra lista di controllo, un documento sempre aggiornato, il vostro vademecum verso il successo. E per chi raggiunge un obiettivo? Un premio per gratificarlo! Sempre.

Gestione del personale: come far lavorare bene il team?

 

Non è piacevole gestire conflitti e discussioni che si creano all’interno del team, eppure un bravo titolare deve saper anche far da mediatore. In un’epoca in cui molti dei compiti sono ripetitivi, in cui lo stress spesso è tanto, basta poco per far scattare un conflitto: con un team unito e coeso sarà più semplice raggiungere i propri obiettivi. 

Una cattiva organizzazione o l’assenza di regole e tempi ben precisi possono, al contrario, moltiplicare i conflitti con effetti non di poco peso sulla produttività aziendale e, sopratutto, sul clima che si respira ogni giorno nell’istituto o nel salone. Lavorate sui vostri dipendenti, allenateli a un confronto produttivo con voi titolari e con i loro colleghi: il lavoro di squadra sarà la priorità, a dispetto del conflitto e del tentativo di imporsi tra pari.

Date sempre l’esempio: ogni problema va discusso subito e risolto immediatamente. Ricordate che per ogni problema esiste una soluzione. Dunque, niente musi lunghi o ipocrisia: se succede qualcosa in istituto o in salone se ne parla immediatamente e si cerca una soluzione, anche tutti insieme. 

Vuoi saperne di più su come gestire il personale?
Contattaci subito per una consulenza GRATUITA!

 

 

 

 


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi